Tassazione e Fiscalità

Ogni fase di vita del fondo ha la sua fiscalità

Scopri i vantaggi fiscali legati a ogni fase del fondo pensione, dall’accumulo alla rendita

Le agevolazioni fiscali previste per la previdenza riguardano tutte le fasi del rapporto con il fondo pensione.

La fase di accumulo

Deducibilità dei contributi versati e tassazione favorevole dei rendimenti

Gli investimenti nella previdenza complementare hanno un trattamento fiscale particolarmente vantaggioso, se paragonato ad altre forme di investimento finanziario. Oltre alla deducibilità annua dei contributi versati è infatti previsto un trattamento favorevole anche dei rendimenti conseguiti.

Consulta la tabella di dettaglio per verificare il regime fiscale applicato a ciascun tipo di versamento effettuato nella fase di accumulo della pensione integrativa.

Fonti di contribuzione possibili

Regime fiscale nella fase di accumulo

Versamenti individuali volontari: liberi nell'ammontare e periodicità

deducibili ai fini IRPEF entro il limite massimo di Euro 5.164,57 all'anno.

Contributo del datore di lavoro: in caso di accordo collettivo

Trattamento di Fine Rapporto:

in sospensione di imposta senza limiti

Rendimenti:

di imposta sostitutiva sui risultati pari al 20% che può riduarsi al 12,5% per la componente di debito pubblico

Versmenti non deducibili (oltre Euro 5.164,57/annui):

Esenti da tassazione in sede di erogazione

Migliora l’efficienza fiscale investendo in previdenza

Guarda come aumenta il tuo risparmio fiscale con i contributi previdenziali

Non è solo il tipo di versamento che contribuisce al tuo regime fiscale ma anche l’ammontare che deciderai di versare.

Guarda l’esempio concreto.

Regime fiscale senza fondo pensione

Reddito IRPEF

35.000,00€

Aliquota IRPEF Media

27,49%

Imposte da pagare

9.621,50€

 

Regime fiscale con contributo al fondo pensione

Le anticipazioni

Scopri le casistiche previste ed il loro trattamento fiscale

Al verificarsi di alcune condizioni è possibile richiedere l’erogazione anticipata di una parte della somma accumulata.

Consulta la tabella per conoscere le casistiche previste dalla normativa ed il relativo trattamento fiscale in fase di erogazione.

Motivo della richiesta

Anni di iscrizione alla previdenza complementare

% anticipabile

Regime fiscale in erogazione

Ulteriori esigenze (senza nessuna documentazione)

8 anni

30% della posizione

23%

Acquisto o ristrutturazione della prima casa per sé o per i figli (con documentazione)

8 anni

75% della posizione.

23%

Spese sanitarie per situazioni gravissime attinenti all'aderente, al coniuge o ai figli, per terapie e interventi straordinari

Nessun limite

75% della posizione

15%, fino al 15° anno di iscrizione, e successivamente una diminuzione dell’aliquota per ogni anno di iscrizione pari allo 0,3%, fino a un’aliquota minima del 9%

 

Consulta la sezione modulistica

Trasferimenti in ingresso e in uscita

Le informazioni più importanti sulle tempistiche e le motivazioni per richiedere il trasferimento del fondo pensione

La posizione maturata in un fondo pensione non è trasferibile verso altro fondo prima di due anni di partecipazione. Tuttavia, questa indicazione decade qualora venissero meno i requisiti di partecipazione.

Da un punto di vista fiscale, tutti i trasferimenti della posizione pensionistica tra diverse forme previdenziali sono esentasse. Tuttavia, è sempre necessario valutare attentamente i costi della forma pensionistica complementare verso la quale si vuole trasferire la posizione.

Il riscatto della posizione

Scopri le condizioni di riscatto della posizione previdenziale e il relativo trattamento fiscale

È possibile riscattare la propria posizione previdenziale in presenza di alcune casistiche. Scopri quali sono e come vengono trattate fiscalmente nella seguente tabella.

Motivo della richiesta

% liquidabile

Aliquota applicata

inoccupazione da 12 a 48 mesi, o ricorso da parte del datore di lavoro a procedure di mobilità, cassa integrazione guadagni o straordinaria;

50% del montante

15%, fino al 15° anno di iscrizione, e successivamente una diminuzione dell’aliquota per ogni anno di iscrizione pari allo 0,3%, fino a un’aliquota minima del 9%

inoccupazione da più di 48 mesi;

100% del montante

invalidità permanente con riduzione della capacità di lavoro a meno di un terzo;

100% del montante

morte prima della maturazione del diritto alla prestazione pensionistica;

100% del montante

cessazione dell'attività lavorativa in caso di adesione collettiva.

100% del montante

23%

 

Consulta la sezione modulistica

Accedi all'area riservata del sito e App per scoprire come fare
Accedi

R.I.T.A. (Rendita Integrativa Temporanea Anticipata)

I requisiti necessari, la modalità di erogazione e la fiscalità della rendita integrativa temporanea anticipata

La R.I.T.A. (Rendita Integrativa Temporanea Anticipata) è una forma di anticipo pensionistico che offre un reddito temporaneo e fiscalmente agevolato a chi ricerca flessibilità e desidera ricevere una rendita anche prima del raggiungimento dell’età pensionabile.

Questa rendita anticipata è sottoposta a una tassazione agevolata con un’aliquota del 15%, fino al 15° anno di iscrizione. Successivamente l’aliquota diminuisce dello 0,3% per ogni anno di iscrizione fino ad arrivare ad un minimo del 9%.

 

Consulta la sezione modulistica

La fase di prestazione

Scopri la disciplina fiscale della rendita e del capitale, al momento della pensione

Quando maturano i requisiti per la prestazione, definiti tanto dall’età pensionabile quanto dagli anni di contributi accumulati, SecondaPensione offre la possibilità di scegliere tra diversi tipi di rendita o di capitale.

 

Consulta la sezione modulistica
Entrambi vengono sottoposti ad un’aliquota del 15%, fino al 15° anno di iscrizione. Successivamente l’aliquota diminuisce dello 0,3% per ogni anno di iscrizione fino ad arrivare ad un minimo del 9%.

La base imponibile considerata per il calcolo delle imposte è costituita da tutti i contributi al netto dei rendimenti e dei contributi non dedotti in fase di accumulo.